Corso BLS-D

Qui di seguito un breve estratto della normativa sull’obbligatorietà della presenza del defibrillatore per le società sportive professionistiche e dilettantistiche.

Ricordiamo altresì che non è sufficiente che l’attestato sia imputato solo ad una persona in quanto il primo intervento, in caso di bisogno, deve essere garantito ai soci in tutte le fasce orarie di attività dell’associazione o della società sportiva.

 

BLS – D

In riferimento al Decreto Legge Balduzzi del 13 settembre 2012 che regolamenta (art. 7 comma 11) l’utilizzo dei Defibrillatori, amplia e conferma l’obbligo del defibrillatore sia per le società Sportive Professionistiche sia per quelle Dilettantistiche, e in base all’art.2 anche alle attività definite amatoriali e/o ludico motorie e attività non agonistiche, alle attività fisico-sportive organizzate da organi scolastici e nelle attività parascolastiche, in contesti organizzati e autorizzati all’esercizio nel rispetto delle disposizioni normative vigenti, sono escluse le attività con ridotto impegno cardiovascolare quali bocce, biliardo, golf, pesca sportiva, caccia sportiva, sport di tiro, ginnastica per anziani “gruppi di cammino” e attività assimilabili.

 

ALCUNI ESEMPIO DI ATTIVITA’ CHE RICHIEDONO LA PRESENZA DEL DEFIBRILLATORE

          Tutti i Centri Sportivi e tutte le A.S.D. e Società Sportive

          Campi di Calcio, Rugby, Pallacanestro, Pallavolo, Hokey, Baseball, Pattinaggio ecc.

          Palestre e Palazzetti dello Sport, Palestre Fitness, Cultura fisica e Danza nelle sue varie forme

          Piscine scoperte e coperte

          Scuole di qualsiasi grado o entità con annesse palestre e/o attività ludico motorie, asili ecc.

 

Le società sportive dilettantistiche e quelle sportive professionistiche, attività amatoriali e/o ludico motorie dovranno dotarsi di Defibrillatori semiautomatici. Sono escluse le società dilettantistiche  che svolgono attività a ridotto impegno circolatorio. Le società dilettantistiche e/o amatoriali hanno 30 mesi di tempo dall’entrata in vigore del presente decreto (scadenza DICEMBRE 2015), mentre le società professionistiche hanno 6 mesi di tempo dall’entrata in vigore del presente decreto (già scaduto). Ai fini della formazione del personale è opportuno individuare i soggetti che all’interno dell’impianto sportivo, per disponibilità, presenza temporale nell’impianto stesso e presunta attitudine appaiono idonei a svolgere il compito di First Responder. La presenza di una persona formata all’utilizzo del defibrillatore deve essere garantita nel corso delle gare e degli allenamenti.

I DAE (Defibrillatore) devono essere sottoposti alle verifiche, ai controlli ed alle manutenzioni periodiche secondo le scadenze previste dal manuale d’uso e nel rispetto delle vigenti normative in materia di apparati elettromedicali.

Le attività sportive in presenza di defibrillatori ove previsto ed i gestori degli impianti sono tenuti ad informare i soggetti, che a qualsiasi titolo sono presenti negli impianti (atleti, spettatori, personale tecnico ecc) della presenza dei DAE e del loro posizionamento mediante opuscoli, cartelli, cartelloni illustrativi o qualsiasi altra modalità.

Facciamoli Correre

L’incontro gratuito “Facciamoli correre” affronta le procedure organizzative standard in tutte manifestazioni di corsa attraverso l’approfondimento delle normative comunali e nazionali.

L’intervento degli organizzatori dei principali eventi di corsa padovani (ad iniziare dalla Maratona di Sant’Antonio) completa il programma dando l’opportunità di un confronto con le strutture organizzative più complesse come pure delle manifestazione podistiche amatoriali e non competitive.

La corsa è un’attività sempre più diffusa tra la popolazione di ogni età, sia in maniera spontanea che organizzata. Negli ultimi anni sono sorte sempre più manifestazioni podistiche di ogni tipo, tanto che oggi Padova si definisce “Capitale del running”.
L’organizzazione di una manifestazione di corsa, amatoriale, non competitiva o agonistica, richiede però una conoscenza precisa delle procedure e una struttura competente e rodata.

L’appuntamento si rivolge quindi a tutti quanti vogliano organizzare una manifestazione di corsa, come pure a quelli che già operano in questo settore e cerchino un confronto con altri operatori.

L’incontro
Martedì 24 novembre, ore 20.30, sala della Scuola Regionale dello Sport del Coni Veneto,
Stadio Euganeo, tribuna est, ingresso L (vedi mappa a fondo pagina).
L’incontro è gratuito e aperto a tutti. Prenotazione obbligatoria scrivendo una mail con il proprio nominativo a info@libertaspadova.it

I Relatori

  • un responsabile del Comando di Polizia locale di Padova.
  • un responsabile del settore servizi sportivi comune di Padova
  • Luca Zampieri: coordinatore organizzativo della Maratona di Sant’Antonio e del Meeting Città di Padova, consigliere provinciale Fidal.
  • Rubens Noviello: tecnico e dirigente di atletica leggera, organizzatore della Summer Run e collaboratore della Corri per Padova